Capitoli

I had a dream

Capitoli

I had a dream

Call for application 2018

Quando:

AtWork Roma (Italia) condotto da Simon Njami
quando: 24-27 Maggio, 2018 – termine iscrizioni: 15 Maggio, 2018

AtWork Ndjamena (Chad) condotto da Simon Njami
quando: 2-6 Luglio, 2018 – termine iscrizioni: 11 Giugno, 2018

AtWork Kampala (Uganda) condotto da Simon Njami e Elise Atangana
quando: 27-31 Agosto, 2018 – termine iscrizioni: 27 Luglio, 2018

AtWork Harare (Zimbabwe) condotto da Andrew Tshabangu, con la presenza speciale di Simon Njami
quando: 20-24 Novembre, 2018 – termine iscrizioni: 5 Novembre, 2018

VAI AL MODULO DI ISCRIZIONE ->

Moleskine Foundation chiama a raccolta talenti creativi internazionali per partecipare al format educativo itinerante AtWork. Per il 2018 abbiamo pianificato 4 workshop AtWork che esploreranno lo stesso tema: “I had a dream”. 100 partecipanti, 100 sogni, 100 progetti.

AtWork “I had a dream” visione:

Simon Njami, co-creatore di AtWork e nostro advisor condivide la sua visione riguardo il tema proposto:
“Cos’è un sogno se non una fantasia? Eppure sarebbe assurdo ridurre questa ben più vasta nozione ad un’arida definizione. In questo programma, il sogno, deve essere inteso come un progetto, come il meccanismo di innesco dei cambiamenti. Al principio di ogni rivoluzione c’è sempre un “sogno”. Questo è ciò che Martin Luther King Junior intendeva quando ebbe il suo in quell’indimenticabile giorno che fece della grande marcia su Washington del 28 Agosto 1963, un momento davvero speciale. Questo è ciò che tutte le persone del mondo hanno fatto quando è arrivato il momento di cambiare le loro vite. Mi piace usare l’ossimoro creato dallo scrittore guineano Tierno Monenembo come titolo di uno dei suoi romanzi: “un sogno utile”. AtWork non vuole solo permettere ai giovani di esprimere i propri sogni, ma si prefigge di dotarli di quegli strumenti che li rendano in grado di realizzarli.
Tali strumenti si basano sul pensiero critico che da solo permette di ottenere la distanza necessaria a compiere una riflessione sulla nostra condizione. Senza questa lucidità che richiama le parole di Hegel, il quale scrisse “non sappiamo quello che sappiamo”, è impossibile approdare ad una chiara diagnosi riguardo le nostre esigenze, i nostri limiti e il nostro futuro. Conoscere noi stessi, come scritto sul frontone del tempio di Delfi, è il più veloce e il più potente strumento che permette di proiettarci nel futuro. Ci dona l’energia e la saggezza necessarie a mettere in dubbio le testimonianze che ci vengono offerte come se si trattasse di indisputabili verità. Questo programma educativo non cerca di trasformare i giovani in qualcosa che potrebbero non essere, ma li aiuta a costruire delle riflessioni che siano proprie e che rispondano, in maniera personale, a domande che nessuna scuola pone.
Invece di dire loro cosa dovrebbero fare, li invitiamo ad esprimere ciò che vogliono. Non c’è altro dogma al di fuori di spingerli a trovare in se stessi il potere di essere. E’ una scuola di libertà e di impegno sociale, poiché nessun cambiamento può essere ottenuto da una persona da sola. Se Nelson Mandela, Mahatma Ghandi o Martin Luther King, per nominare solo alcuni sognatori, hanno avuto successo nei loro tentativi, è stato solo perché hanno avuto la capacità di creare consenso al di fuori di loro stessi. E’ giunto il momento di dire a questi ragazzi, che rappresentano il nostro futuro, che non esiste il fatalismo. Siamo nati ciò che siamo nati, ma diventiamo ciò che facciamo. In poche parole “I had a dream” è una chiamata all’azione, qui e ora.

 

Che cos’è AtWork?

AtWork è un format educativo itinerante ideato da Moleskine Foundation e Simon Njami che utilizza il processo creativo per stimolare il pensiero critico e il confronto fra i partecipanti. Aiuta a sviluppare le capacità intellettuali ed emotive necessarie allo sviluppo del senso di identità sia personale sia collettivo.

Find out more

Sotto la guida di un artista o curatore, i partecipanti prendono parte ad una discussione collettiva e ad un’autoriflessione sul tema scelto. In seguito, producono un taccuino personalizzato che incarna il processo di autoriflessione e il pensiero critico innescati dal workshop.

I taccuini sono successivamente esposti in una mostra artistica co-curata dagli stessi partecipanti.

I taccuini diventano parte della collezione permanente di Moleskine Foundation e vengono esposti in mostre internazionali, biennali e, in formato digitale, su at-work.org.

In passato, la collezione è stata esposta ad Art Basel Fair, Dak’Art Biennale 2016, Art Paris Fair 2017. I taccuini degli AtWorkersentrano nella collezione al fianco di importanti autori come Pascale Marthine Tayou, Nicolas Hlobo, Francis Kéré, Spike Jonze, Antonio Marras, Ross Lovegrove e molti altri.
Il workshop è aperto a studenti di tutte le discipline, a giovani creativi e a professionisti dell’educazione.

Per saperne di più del format AtWork clicca qui.

Come funziona quest’anno?

Ogni capitolo di AtWork si compone di un workshop intensivo di 4-5 giorni (dalle 10.00 alle 18.00) riguardo al tema “I had a dream” che culmina con l’esposizione dei taccuini realizzati durante il workshop stesso. Ogni workshop può ospitare 25 partecipanti e viene condotto da un importante artista o intellettuale tra cui Simon Njami e altri. Per partecipare al workshop è necessario versare una quota. I soldi raccolti verranno utilizzati per coprire l’importo delle borse di studio dei futuri capitoli di AtWork.
Moleskine Foundation offre 20 borse di studio a copertura dei costi di partecipazione. Viaggio e alloggio sono a spese dei partecipanti.

Per quale capitolo posso applicare?

AtWork Roma (Italia) condotto da Simon Njami: 24-27 Maggio, 2018. In collaborazione con la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.  Il workshop si svolgerà nelle sedi della Galleria. La quota di partecipazione è di €300. L’esposizione dei taccuini di AtWork Roma inaugurerà il 29 Maggio presso la Galleria.

AtWork Ndjamena (Chad) condotto da Simon Njami: 2-6 luglio, 2018. In collaborazione con Djamah Afrik e il Museo Nazionale del Chad. La quota di partecipazione è di €150.

AtWork Kampala (Uganda) condotto da Simon Njami e Elise Atangana: 27-31 Agosto, 2018. In collaborazione con Makerere University e Maisha Foundation. La quota di partecipazione è di €150.

AtWork Harare (Zimbabwe) condotto da Andrew Tshabangu con special guest Simon Njami: 19-23 Novembre, 2018. In collaborazione con Galleria Nazionale dello Zimbabwe. La quota di partecipazione è di €150.

 

I conduttori del workshop:

Simon Njami
Andrew Tshabangu
Elise Atangana

Come faccio ad iscrivermi?

Compila il modulo di iscrizione che trovi in basso.
Il processo di selezione sara basato sulle informazioni che fornirai e sarà processato da Moleskine Foundation in collaborazione con i nostri partner locali incaricati di organizzare il workshop.

Termine iscrizioni ai Worskshop

AtWork Roma (Italia) condotto da Simon Njami
15 Maggio, 2018

AtWork Ndjamena (Chad) condotto da Simon Njami
11 Giugno, 2018

AtWork Kampala (Uganda) condotto da Simon Njami e Elise Atangana
27 Luglio, 2018

AtWork Harare (Zimbabwe) condotto da Andrew Tshabangu, con la presenza speciale di Simon Njami
5 novembre, 2018

Come posso richiedere la borsa di studio?

Il procedimento per l’iscrizione è il medesimo, devi solo indicare nel modulo che non possiedi i fondi per coprire i costi di partecipazione.

Chi può richiedere la borsa di studio?

  • Studenti e giovani talenti creativi tra i 18 e i 27 anni.
  • Giovani professionisti dell’educazioni tra i 18 e i 30 anni.
  • I richiedenti devono poter coprire le spese di viaggio, alloggio e le spese quotidiane (personalmente o mediante sponsor).
  • I richiedenti devono avere uan buonaconoscenza dell’inglese, o del francese nel caso del workshop a Ndjamena
  • Le iscrizioni internazionali sono le benvenute.

Cosa succede se vengo selezionato per una borsa di studio?

  • Riceverai un’email che ti informerà della tua selezione e ti verrà chiesto di confermare il tuo desiderio di partecipare.
  • La borsa di studio erogata da Moleskine Foundation coprirà i tuoi costi di partecipazione alle giornate del workshop. Si Durante i giorni di workshop verrà fornito il pranzo.
  • Dovrai coprire in maniera autonoma i costi del viaggio e dell’alloggio in caso in cui il workshop si svolga in un luogo diverso dalla tua città di residenza.
  • Verrai contattato dal nostro partner locale che ti fornirà i dettagli del workshop.
VAI AL MODULO DI ISCRIZIONE ->
Condividi